conatus

CONATUS

Questo progetto nasce da una idea di Sebastiano Scanu. Voglia di raccontarsi, di fare un punto. Lo spettacolo é in fase di preparazione, quindi non esistono né video, né foto.

Non si desidera mai qualcuno o qualcosa; si desidera sempre un insieme. Si desidera qualcosa in un contesto, in una organizzazione di vita. Il desiderio non é mai qualcosa di isolato. Ma non desidero neppure un insieme, si desidera qualcosa in un insieme. Desiderare é costruire un concatenamento, costruire un insieme. Passiamo il tempo a costruire concatenamenti, costruire un insieme. Tutti passiamo il nostro tempo a costruire. G. Deleuze

Un uomo che insegue il proprio desiderio; ma il desiderio é una concatenazione, un contesto, come esprime G. Deleuze; l’uomo che sta sulla scena, che é lo stesso di quando é fuori dalla scena; si dedica alla inoperositá in favore del proprio desiderio: lo insegue, lo mastica, lo vomita. La performance attraversa le fasi della vita di quest’uomo: un esodo continuo. Fuga dalla terra sarda, a motivo della propria omosessualitá, e dopo Londra, approdo a Berlino….sono passati 20 anni.

con Sebastiano Scanu; regia Catia Gatelli; in collaborazione con Hathor associazione culturale